Le meraviglie del cotto nell’arte di Biagio Rossetti

Le meraviglie del cotto nell’arte di Biagio Rossetti

Itinerario nell’architettura rinascimentale ferrarese. L’itinerario inizia dalla Chiesa di San Cristoforo alla Certosa, nel cuore della città rinascimentale, realizzata da Biagio Rossetti,   per volere degli Estensi, a partire dal 1492 in forme consone ad esprimere il prestigio e la magnificenza della casata. Quando le nuove leggi napoleoniche previdero la costruzione dei cimiteri lontani dai centri abitati, l’antico monastero certosino venne trasformato in cimitero, ma è tuttora possibile leggere l’originaria struttura in corrispondenza dell’antico chiostro e delle celle dei monaci. Si farà una tappa nella “Piazza Nova”, oggi Piazza Ariostea, e si proseguirà alla volta dell’abside della Cattedrale ricostruita dal Rossetti. Si passerà poi a visitare la vicina Basilica di San Francesco, sullo stesso luogo in cui già in precedenza erano sorte altre due chiese dedicate al culto del Santo. Qui è, in sintesi, espresso il concetto più alto dell’architettura rinascimentale. In seguito si raggiungerà la Chiesa di Santa Maria in Vado, uno dei luoghi più antichi della devozione popolare dedicati alla Vergine e sede di pellegrinaggi legati al miracolo del Preziosissimo Sangue avvenuto nel 1171. La chiesa venne trasformata in Basilica monumentale alla fine del ‘400. Al suo interno si può ammirare una pregevole raccolta di grandi opere d’arte.